logo_frontiere

Noi, migranti al di là delle alpi

Gens de l’Ubaye, Gens du Piémont

di e con Laura Fossati | letture a cura di Beppe Rosso

presentazione della ricerca “Gens de l’Ubaye, gens du Piémont” –  di e con Laura Fossati – in collaborazione con l’Associazione “Sabença de la Valeya” di Barcelonnette – letture a cura di Beppe Rosso

Il progetto “Gens de l’Ubaye, Gens du Piémont” è iniziato nel 2014. Sostenuto dal Musée de la Vallée di Barcelonnette e dall’Association “Sabença de la Valeia / Connaissance de la Vallée”, è stato finanziato dalla Municipalità di Barcelonnette, dal Parc National du Mercantour et dal Pays S.U.D (Serre Ponçon, Ubaye, Durance).

Sin dall’inizio il progetto ha visto un’ampia e sentita partecipazione da parte degli abitanti della valle dell’Ubaye, desiderosi di riscoprire e valorizzare le loro radici.

Lo studio “Gens de l’Ubaye, Gens du Piémont”, i cui risultati sono stati presentati ai finanziatori del progetto lo scorso 9 febbraio 2018, si è svolto seguendo due principali piste di analisi: da un lato un approccio socio-antropologico volto a raccogliere le testimonianze dei protagonisti dell’immigrazione piemontese in Ubaye e dei loro discendenti, e dall’altro un approccio storico-demografico volto ad investigare i numeri e le caratteristiche della presenza piemontese in Ubaye attraverso la consultazione e l’analisi dei documenti conservati negli Archives Départamentales des Alpes de Haute Provence di Digne.

Lo svolgersi della ricerca ha permesso la costituzione di una rete di persone che abitano o frequentano la Vallée de l’Ubaye, accomunate dalle loro radici piemontesi o italiane, che si sono appassionate alla tematica migratoria e hanno seguito da vicino il progetto, confidandomi i loro ricordi familiari oltre che numerose fotografie e documenti, e partecipando anche a numerose iniziative collaterali come ad esempio gli ateliers di realizzazione di pasta seguendo le ricette piemontesi. Durante la presentazione, Beppe Rosso leggerà frammenti tratti dalle interviste realizzate da Laura Fossati.